Cooperazione territoriale europea

Interreg Espon 2030

ESPON - European Spatial Planning Observation Network, è un programma di cooperazione interregionale che coinvolge, oltre ai 27 paesi dell'Unione Europea, anche Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera

Espon2.png

Il programma di cooperazione interregionale ESPON 2030 si propone, attraverso il finanziamento della ricerca (European research projects, Targeted analyses e On-demand territorial studies), di consolidare una rete europea di osservazione territoriale e favorire una dimensione territoriale europea nell’ambito dello sviluppo e della cooperazione. Obiettivo principale del Programma è la produzione di conoscenze e indicatori territoriali (territorial evidence) pan-europei comparabili, sistematici ed affidabili, oltre allo sviluppo di strumenti online per l’analisi e la mappatura (monitoring and tools) dell'intero spazio geografico dei 27 Stati membri dell'UE nonché  di Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera. L'obiettivo finale è il trasferimento di conoscenze ed opportunità di apprendimento delle politiche alle autorità pubbliche e ad altri attori istituzionali di diverso livello.

Il nuovo Programma ESPON 2030 ha avviato le attività il 1° luglio 2022 sulla base di 4 documenti strategici, i Thematic Action Plans (TAP1. Climate neutral territories, TAP2. Governance of new geographies, TAP3. Perspective for people and places, TAP4. Places resilent to crises) rispetto ai quali è stata avviata una consultazione pubblica che ha invitato i decisori politici, i professionisti a tutti i livelli amministrativi e i ricercatori impegnati in università e centri di ricerca a contribuire alla discussione al fine di raccogliere un’ampia gamma di proposte di attività di ricerca per garantire la pertinenza e la qualità delle future attività del Programma. Ad inizio 2023 verranno lanciate ulteriori 4 Thematic Action Plans (TAP5. Living, working and travelling across borders TAP6. Smart connectivity TAP7. European territories in global interactions TAP8. Adapting to the impacts of climate change) che seguiranno lo stesso processo di consultazione ed andranno a genere successive ed ulteriori occasioni di ricerca.

ESPON 2030 è cofinanziato dall'Unione europea con il Fondo europeo di sviluppo regionale-FESR che contribuisce con 48 milioni di euro.

Autorità di gestione del Programma è il Dipartimento di Pianificazione del territorio presso il Ministero dell’Ambiente e pianificazione territoriale del Lussemburgo. Beneficiario unico è ESPON GECT, responsabile della gestione operativa del programma, a cui è affidato il compito di sviluppare le attività e i progetti sotto la sorveglianza del Monitoring commitee. L'Espon GECT ha una propria struttura scientifica interna e acquisisce le ulteriori competenze necessarie attraverso bandi di gara.

Per l’Italia, il Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti è autorità nazionale capofila e capo delegazione dei comitati di sorveglianza, co-presidente è la Regione Lombardia, mentre la Regione Emilia-Romagna è vicepresidente

A chi rivolgersi

Direzione generale Cura del territorio e dell'ambiente
Settore governo e qualità del territorio
Viale Aldo Moro 30 - 40127 Bologna
tel. 051 5276049 
fax 051 5276895

Per informazioni

Graziella Guaragno
graziella.guaragno@regione.emilia-romagna.it 
tel. 051 527 6937

Direzione generale Risorse, Europa, innovazione e istituzioni
Settore Coordinamento delle politiche europee, programmazione, riordino istituzionale e sviluppo territoriale, partecipazione, cooperazione, valutazione 

Responsabile: Caterina Brancaleoni

programmiarea@regione.emilia-romagna.it
tel. 051 527 8901

Per informazioni

Lorenzo Buratti
lorenzo.buratti@regione.emilia-romagna.it
tel. 051 527 9574  

Per approfondire

Azioni sul documento

ultima modifica 2023-01-19T14:41:39+01:00
Questa pagina ti è stata utile?

valuta sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina