Pace e cittadinanza globale

Costituzione, Cittadinanza e Pace: dal locale al globale

Le iniziative per la pace e la cittadinanza del Comune di Zola Predosa

Soggetto attuatore

Comune di Zola Predosa

Descrizione del progetto

Il progetto si propone di concorrere alla realizzazione pratica dell’art. 29 comma d della Convenzione sui diritti dell’infanzia: “Gli Stati parti convengono che l'educazione del fanciullo deve avere come finalità quella di preparare il fanciullo ad assumere le responsabilità della vita in una società libera, in uno spirito di comprensione, di pace, di tolleranza, di uguaglianza tra i sessi e di amicizia tra tutti i popoli e gruppi etnici, nazionali e religiosi e delle persone di origine autoctona”.
Per realizzare questo obiettivo si utilizzerà come strumento educativo privilegiato la Costituzione della Repubblica Italiana e come contenitore delle azioni da realizzare il Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze, progetto educativo di cittadinanza attiva già presente da numerosi anni nel Comune di Zola Predosa.

Azioni:
Video Costituzione, ente locale e pace
Realizzazione di un video di presentazione della Costituzione Italiana incarnata nei servizi degli enti locali (Regione Emilia-Romagna, Città metropolitana e Comune).
Il video è rivolto ai ragazzi delle classi IV della scuola primaria di I grado. Per la realizzazione del video ci si avvarrà di competenze specifiche e strumentazioni reperite in ambito locale e si cercherà di coinvolgere gli ex consiglieri del CCRR attualmente passati alle scuole superiori di II grado in un’ottica di peer
education. Il percorso intende evidenziare come l’organizzazione degli enti locali prevista dalla Costituzione trovi applicazione pratica nei servizi erogati dagli enti, la cui azione è sempre finalizzata all’inclusione di tutti i cittadini e alla promozione di un senso di appartenenza fondato sull’uguaglianza, la solidarietà e la convivenza.

Caccia al tesoro alla scoperta della Costituzione
Organizzazione di una caccia al tesoro rivolta agli alunni delle classi I della scuola secondaria di primo grado. In ogni tappa della caccia al tesoro verrà presentato, anche attraverso il coinvolgimento di testimoni significativi, un articolo della Costituzione, con particolare riferimento ai primi 12 articoli. Per ogni articolo si mostrerà ai ragazzi come il rispetto del principio sancito e la sua universalità costituisca la base per la costruzione di una società improntata alla pace e alla tolleranza.

Confronto fra i CCRR della città metropolitana di Bologna sul tema della pace e della nonviolenza
L’azione si svilupperà in alcune sotto-azioni:
- Ricognizione dei CCRR presenti nel territorio della Città Metropolitana e raccolta di informazioni sui modelli organizzativo-funzionali adottati e sui progetti realizzati negli ultimi anni, con particolare riferimento a quelli afferenti
i diritti umani e la diffusione di una cultura di pace; ai CCRR contatti si chiederà la disponibilità a partecipare a un momento di incontro e confronto.
- Incontro fra i facilitatori e responsabili dei vari CCRR per l’organizzazione di un evento comune.
- Giornata di incontro e confronto fra i CCRR che hanno aderito alla proposta. Si lavorerà in gruppi di lavoro, guidati da facilitatori, con l’obiettivo di favorire la conoscenza reciproca e la condivisione dei progetti realizzati da ciascun CCRR negli ultimi anni afferenti
i diritti umani, la diffusione di una cultura di pace, l’inclusione dei cittadini stranieri. Al termine della giornata verrà realizzato un laboratorio finalizzato alla produzione da parte dei partecipanti di un prodotto (es. manifesti/pannelli mostra) che sintetizzi gli esiti del lavoro svolto e che sarà condiviso in modo itinerante tra i diversi CCRR coinvolti.

Laboratorio di gioco interlinguistico e interculturale sul tema della pace tra i popoli
Realizzazione di un laboratorio interlinguistico e interculturale di prevenzione dell’emarginazione, nel quale apprendere, tramite il gioco, parole di pace e modalità di comunicazione pacifica tra i popoli, rivolto agli studenti delle scuole primaria e secondaria di varie etnie, con priorità per coloro che sono privi di qualsiasi conoscenza della lingua italiana. L’azione sarà preceduta da un monitoraggio delle criticità rilevate dalle scuole e sarà realizzata mediante un intervento educativo e l’eventuale mediazione di peer
educators di origine straniera.

Referente del progetto

Elisabetta Veronesi
Responsabile Servizio Famiglie, Minori e Comunità
ccr@comune.zolapredosa.bo.it

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/10/29 15:37:22 GMT+2 ultima modifica 2019-10-29T15:37:22+02:00

valuta sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina