Cooperazione internazionale

Cosa è stato fatto per i minori in Kenya e i carcerati in Camerun

I risultati dei progetti di cooperazione dell'associazione Papa Giovanni XXIII nel 2021

Nel 2021 l'associazione Comunità Papa Giovanni XXIII ha realizzato due progetti di cooperazione con il contributo della Regione, in Kenya e in Camerun.

Questi progetti hanno costruito un ponte di speranza tra l’Emilia Romagna e le realtà più povere dell’Africa e proseguiranno anche nel nuovo anno grazie a due nuove iniziative che si svolgeranno nelle stesse zone di missione, a testimonianza di un impegno costante su questi territori: “Cambio rotta” (Camerun) e “Love to learn” (Kenya). 

 I progetti conclusi del 2021 sono:

  • Voglia di futuro 

In seguito allo scoppio della pandemia di covid-19 le condizioni dei detenuti nelle carceri della regione ad ovest del Camerun sono ulteriormente peggiorate, sia in termini alimentari che sanitari.

Grazie al progetto è stato possibile distribuire generi alimentari, medicine e dispositivi sanitari a 1.500 detenuti in 5 carceri e sono state organizzate giornate informative sulla salute e sulle pratiche igieniche da adottare per rendere il carcere un luogo più salubre. Ai detenuti sono inoltre stati proposti laboratori educativi e formativi per dotarli di competenze in futuro spendibili sul mercato del lavoro.

Sono stati sostenuti anche 45 ex-detenuti accolti nelle Comunità di Bafoussam e Soukpen: giovani vulnerabili che, usciti di prigione, si sarebbero ritrovati in strada, senza legami familiari o prospettive, e che hanno invece iniziato un percorso di reinserimento sociale e lavorativo. Oltre al quotidiano sostegno alimentare, è stata data loro l’opportunità di partecipare a laboratori di formazione in agricoltura, allevamento, falegnameria e meccanica.

Consulta le infografiche (pdf351.33 KB)sui risultati del progetto.

  •  Time to care

Grazie al progetto è stato possibile sostenere il centro G9, che accoglie bambini e ragazzi di strada e che ogni giorno garantisce loro tutto ciò di cui hanno bisogno per ritrovare la serenità: il cibo per crescere sani, il sostegno sanitario quando necessario e il diritto all’istruzione per permettere loro di costruire un futuro diverso.

Nel corso dell’anno, oltre 20 bambini tra di età compresa tra i 5 e i 17 anni sono stati accolti in maniera stabile presso il centro e più di 80 bambini di strada sono stati incontrati e supportati grazie alle attività dell’unità di strada.

Consulta le infografiche (pdf460.56 KB) sui risultati del progetto.

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/12/17 13:31:00 GMT+2 ultima modifica 2021-12-17T13:34:02+02:00

valuta sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina